Sempre più spesso navighiamo online in ricerca di beni e servizi, così capita di sbarcare sui popolari siti e-commerce che, mai come in questo periodo storico, rappresentano un punto di riferimento assoluto in fatto di shopping in sicurezza. Dal momento che – in generale ma soprattutto online – l’apparenza è un elemento davvero essenziale per spingere un progetto verso il successo, il fatto di realizzare schede prodotto con un surplus di attenzione verso qualità e completezza di informazioni può fare la differenza. Abbiamo già messo sotto la lente in un altro articolo del nostro blog  le caratteristiche tecniche del prodotto, adesso vogliamo offrire spunti per comprendere in che modo sia più giusto definire il prezzo di un bene, come descriverlo, in che modo creare i contenuti delle schede e così via.

Il catalogo contenente i prodotti offerti verrà messo in condivisione sui diversi canali aziendali di vendita, influenzando in maniera netta la prima impressione degli utenti. Oltre a essere presente nei motori di ricerca, Google in primis, esso dovrà anche rientrare negli standard di qualità minimi che sono richiesti da mercati globali come ad esempio quello di Amazon. E’ essenziale fare in modo che la persona abbandoni la piattaforma di shopping senza effettuare alcun acquisto. Ma come? Un ruolo cruciale in questo senso è proprio quello ricoperto dalle schede prodotto: quando esse risultano scarne, imprecise o incomplete l’utente vola via con un solo clic. Ecco perché è così importante fare mente locale sulla struttura e sui contenuti necessari a renderle perfette, investendo nella loro progettazione tutto il tempo necessario.

Cosa si intende per scheda prodotto

Con la terminologia ‘scheda prodotto’ si intende in pratica la carta di identità – contenente le informazioni e i dati che possono essere utili al consumatore per completare l’acquisto – relativa a beni e servizi messi in vendita da una realtà aziendale. Si indicano in essa le caratteristiche chiave di un prodotto, le sue possibili applicazioni e le dimensioni oltre naturalmente ai vantaggi offerti dal suo utilizzo ma non solo.

Affinché un portale e-commerce possa funzionare correttamente è necessario lavorare sulle schede prodotto, che saranno chiamate non soltanto a rappresentare il brand ma anche a migliorare il tasso di traffico in ingresso e il dato relativo alle conversioni. La scheda prodotto è una pagina, dunque deve essere indicizzata e ottimizzata in ottica SEO. Il lavoro relativo alla sua progettazione risulta essenziale per migliorare il posizionamento nelle SERP dei motori di ricerca.

L’importanza della qualità dei contenuti e come svilupparli

Nell’ambito della progettazione delle schede per un portale e-commerce ricoprono ovviamente un’importanza cruciale i contenuti, che si distinguono in contenuti essenziali e contenuti migliorati. Che cosa si intende con questa terminologia? I contenuti essenziali sono quella massa di informazioni indispensabili a orientare la scelta dell’utente, dunque dati che non dovrebbero mancare mai e che anzi dovrebbero sempre essere esposti in bell’ordine oltre che in maniera chiara. Si tratta dei requisiti minimi grazie ai quali la persona si fa un’idea del prodotto, ovvero la descrizione sintetica e l’immagine oltre naturalmente al titolo. Per quanto riguarda invece i contenuti migliorati, si tratta di quel materiale aggiuntivo e comunque complementare – anche se non indispensabile – utile a migliorare la percezione di un prodotto da parte del consumatore.

Fare un check sui portali dei competitor per offrire info extra

La completezza è un valore aggiunto, al quale non bisogna rinunciare mai. Ecco perché, anche se è sempre necessario partire dai contenuti essenziali, le info migliorate consentiranno di alzare l’asticella dell’originalità e dell’autorevolezza ottimizzando il posizionamento. E’ importante inoltre fare in modo che nelle diverse schede e pagine prodotto non siano presenti testi duplicati, come ad esempio una parte di una descrizione copiata e incollata per diversi prodotti. Per capire come progettare e definire le proprie schede prodotto, sarà inoltre molto utile fare un check sui portali dei principali competitor – siti web, e-commerce e altri concorrenti – così da scoprire quali sono i relativi punti di forza, i prezzi medi e comprendere se stiano omettendo dettagli importanti (che sarebbe dunque auspicabile inserire nelle proprie schede prodotto).

Le informazioni chiave cambiano a seconda del settore di riferimento

A seconda del settore di riferimento, ciascun e-commerce sarà naturalmente chiamato a offrire determinate informazioni presentandole in un certo modo. Le schede tecniche, insomma, potranno essere molto diverse a seconda del prodotto che si vuole vendere. Ci sono varianti pressoché infinite rispetto allo schema base, che offre – come abbiamo visto – contenuti essenziali e contenuti migliorati. C’è un’ulteriore categoria di informazioni, ovvero quella che abbraccia i contenuti specifici e relativi ai vari settori di mercato. Una piattaforma e-shop che si occupa di moda dovrà offrire info relative a taglie, dimensioni, materiali e molte foto mentre ad esempio per quanto riguarda cosmetici e bellezza sarà essenziale offrire anche dei contributi video. Le farmacie online che ad esempio vendano medicinali, si focalizzeranno su specifiche relative a modalità d’uso e composizione ma anche sulle possibili controindicazioni dei prodotti. Così come nel mondo della tecnologia e delle costruzioni sarà importante parlare di energia, dati tecnici e composizione chimica.

Grafica accattivante e info chiare per una maggiore visibilità

Per fare in modo di differenziare la propria offerta attraverso la presentazione dei prodotti nel portale e-commerce, sarà sempre necessario puntare su alcuni elementi cardine in fase di progettazione. Stiamo facendo riferimento all’originalità della descrizione e la completezza di informazione, senza dimenticare l’importanza dell’aspetto visuale e dunque della grafica (che sarà chiamata ad essere sempre accattivante). Sono tutti elementi che contribuiranno in maniera decisiva all’incremento della visibilità del portale, che verrà premiato da Google.

Ovviamente il design dovrà essere responsivo, in modo tale che il portale possa adattarsi allo schermo di qualsiasi device elettronico (tablet, pc e smartphone), in più sarà utile procedere nell’offerta delle info utili all’interno della scheda prodotto in maniera gerarchica (quelle più importanti per la conversione dovranno stare in alto). Utile anche inserire qualche pulsante secondario, ad esempio quelli che permettono di aggiungere il prodotto a una lista desideri oppure quelli che agevolano la condivisione sui social. Sarà infine necessario offrire contenuti anche in modo tale da stabilire un ponte emotivo con l’utente: un altro modo per distinguersi nel mare magnum dei competitor di settore.