Per avere successo nel mondo digitale è necessario stringere una rete virtuosa di rapporti con gli utenti target, fatta di fiducia e rispetto reciproco.
Ciascun progetto imprenditoriale punta a raccontare una storia diversa, ragion per cui sono vari i metodi da applicare per raggiungere l’obiettivo.

E-mail MarkEting: strategia vincente, ma con attenzione

Tra le strategie più utili è possibile indicare le campagne di e-mail marketing, strutturate attraverso l’invio di messaggi di posta elettronica.
Il punto di forza? Senza dubbio è rappresentato dal fatto che il contatto che si viene a instaurare con la persona è diretto e senza barriere

Occorre utilizzare questo canale privilegiato con cura e attenzione, non bisogna avere fretta o veicolare indicazioni e informazioni fuorvianti.
La sintesi e la completezza sono tutto in questi casi: parliamo di uno strumento potente, perfetto per raggiungere un particolare tipo di pubblico con dei messaggi calibrati su misura.

Newsletter e DEM

In certi casi la mail potrebbe assumere la forma di una newsletter, per veicolare contenuti di tipo informativo con scadenze regolari – seguendo un piano editoriale – ai propri clienti, in modo da accrescerne la fidelizzazione.
La newsletter si presenta come la home page di un giornale online, dove i titoli dei contenuti puntano a stimolare l’interesse di chi legge e aumentare il traffico su un sito o un blog personale.

Bisogna distinguerla dalle DEM (acronimo di Direct e-mail marketing), le quali rientrano nelle attività di entry marketing e rappresentano vere e proprie comunicazioni commerciali il cui obiettivo è ottenere il “push” dei destinatari (prospect)
In genere offrono promozioni, sconti o coupon.

Al centro bisogna porre sempre una corretta attività di targetizzazione del pubblico: non si vanno a spedire mail generiche, ma calibrate a seconda dell’audience di riferimento (i runner, per esempio, riceveranno promozioni per ‘scarpe da corsa’ anziché una promozione generica per ‘scarpe sportive’).

Ci sono dunque mail esaustive, che offrono approfondimenti di valore, e altre che invece invitano a fare un clic per arrivare ai contenuti promossi dal mailing.
Il messaggio potrebbe offrire informazioni così come invitare a iscriversi a un evento, un’attività oppure a completare l’acquisto di prodotti e servizi.
Molto dipende dalle dimensioni e dal budget dell’azienda che richiede di strutturare un simile progetto, il quale deve dialogare con la complessiva e corale strategia di marketing digitale portata avanti dal team della web agency.

Piano editoriale e contenuti da veicolare

Occorre per prima cosa porsi alcune domande, relativamente agli obiettivi che si vogliono raggiungere e al tipo di contenuto da veicolare. Abbiamo accennato alla necessità di predisporre un piano editoriale, il quale dovrà essere in buona parte informativo e non dare l’impressione di essere vocato solo alla parte commerciale e degli acquisti.

I contenuti offerti dovranno essere interessanti, originali e di valore: servono a intercettare e fidelizzare i contatti, oltre a fare della buona lead nurturing (si tratta del processo attraverso il quale l’attenzione degli utenti agganciati viene “nutrita” con info sempre nuove e utili).

Sarà importante abbinare poi al prodotto o al servizio da vendere qualche benefit da ottenere senza sborsare un euro. Risulterà utile offrire a coloro che lasciano il proprio contatto mail dei contenuti extra e di valore come ad esempio video tutorial, statistiche o grafici da scaricare liberamente.

Lavorare sul target e sulla sua soddisfazione finale deve essere la luce guida nella strutturazione della miglior campagna di e-mail marketing.
Quando si dovrà andare a “targettizzare” il pubblico ideale potranno venire in aiuto anche le campagne Facebook, perfette per definire lo spazio d’azione facendo leva su preferenze, dati anagrafici e caratteristiche demografiche.

E’ doveroso fare anche una precisazione sull’importanza di ottimizzare la mail per i dispositivi mobile: ormai con lo smartphone e il tablet siamo abituati a fare tutto e tra i gesti più popolari c’è proprio la lettura della posta.

L’importanza della fase di analisi nell’e-mail marketing

Nel marketing digitale è essenziale procedere alla continua misurazione di performance e risultati, relativamente a qualsiasi aspetto o parte di un progetto complesso. Un concetto che vale anche per l’e-mail marketing, dove riuscire a capire come correggere il tiro o migliorare i messaggi da veicolare è decisivo per il raggiungimento dell’obiettivo.

Un esempio? Risulterà particolarmente utile ottimizzare l’oggetto che presenterà la mail, in modo da calibrare anche il relativo contenuto.
Inoltre, sarà possibile ricorrere a strumenti che consentiranno di tracciare l’effettiva apertura della mail e dunque ottenere feedback.

Quali regole seguire in questa fase? Sono poche e semplici, ruotano attorno ad alcune parole chiave: brevità, sintesi e qualità. L’informazione offerta in poche parole deve essere il preludio all’approfondimento contenuto nel messaggio.

Si deve riuscire a catturare l’attenzione, che nel mondo del web può durare anche un battito di ciglia. Cercate di definire una frase breve e completa, pensando anche a chi aprirà la posta tramite uno smartphone e dunque avrà uno spazio di lettura ridotto. Non occorre essere “commerciali”, né tantomeno utilizzare le lettere maiuscole, che nel galateo del web stanno a indicare un gesto di prepotenza o il fare la voce grossa. Il contenuto è il re, come si suol dire: prestate grande attenzione ai dettagli della formattazione e della sintassi, oltre che alla scelta del font. Il testo sarà il vostro biglietto da visita, la forma che sceglierete di dargli sarà il vostro abito migliore.