Ormai sulla rete si trovano siti sempre più complessi e belli, con animazioni e con la possibilità di interagire. Quando viene realizzato però un sito web di questo tipo dobbiamo sempre tenere sott’occhio l’usabilità. Ma cosa si intende precisamente per usabilità quando parliamo di siti web?

Cos’è l’usabilità di un sito web?

Per provare a dare una definizione di usabilità possiamo dire che questa è…

l’efficacia, l’efficienza e la soddisfazione con le quali determinati utenti raggiungono determinati obiettivi in determinati contesti. In pratica definisce il grado di facilità e soddisfazione con cui si compie l’interazione tra l’uomo e uno strumento”.

Ovviamente nel nostro caso al posto di “strumento”, possiamo mettere senza problemi “sito web”.

Il problema dell’usabilità diventa ancora più importante in una fase dove il traffico è sostanzialmente da mobile dove la dimensione dello schermo e modalità di utilizzo del dispositivo impongono ai web designer delle regole molto strette da rispettare.

L’usabilità è inoltre da poco diventata strategica anche per il posizionamento del sito per i motori di ricerca,
Google ha infatti rilasciato da poco diversi aggiornamenti che puntano a verificare l’usabilità del sito per penalizzare quei siti che non riescono a dare un’esperienza utente eccellente. Ma quali sono i fattori che determinano un’ottima esperienza utente?

I fattori principali dell’usabilità

La prima caratteristica che ci viene sicuramente in mente è il tempo di caricamento: un sito che carica lentamente non è usabile e rende l’utente che prova a navigarci frustrato e insoddisfatto. Google si è accorto di questo fattore e suggerisce tempi di caricamento inferiori ai 3 secondi per rendere l’esperienza utente ottimale.

Ovviamente ci sono molte tecniche che permettono di abbassare il tempo di caricamento, che dipendono da com’è stato realizzato il sito (ad esempio quale CMS utilizza, su che server è ospitato…), ci sono dei tool gratuiti che ti permettono di fare una veloce misurazione e ti restituiscono una reportistica molto dettagliata su quali siano gli interventi da fare per migliorare il tempo di caricamento di una pagina web. Il più usato è GTmetrix (che con la registrazione gratuita ti permette anche di selezionare la provenienza del server per evitare problemi di ping). Ti consigliamo quindi di inserire l’URL che vuoi monitorare a livello di performance.

Un altro fattore che influisce sull’usabilità e quindi sull’esperienza utente sono gli elementi che compongono il sito web: pulsanti troppo piccoli per essere cliccati, immagini che hanno una proporzione sbagliata per il posto che occupano, oppure testi troppo chiari rispetto allo sfondo possono rendere il sito inutilizzabile. Anche la struttura delle informazioni influisce molto sull’usabilità di un sito: se l’utente infatti non riesce a trovare nel giro di poco tempo le informazioni di cui ha bisogno abbandonerà il sito, aumentando così il bounce rate. Come puoi immaginare per un e-commerce sono tutte cose di cui tenere di conto.

Ovviamente è difficile applicare le giuste regole senza una corretta fase di progettazione: l’ordine delle pagine e le informazioni che sono contenute al suo interno devono essere pensate prima di realizzare il sito cercando di immaginare il tipo di viaggio che l’utente fa sul sito.

Interfaccia web: un ultimo consiglio

Non c’è niente di più frustrante che provare a cliccare su un bottone che non funziona o che non restituisce nessun tipo di feedback all’utente. Quando viene compilato un form ad esempio è buona regola fare in modo che l’utente sia informato dell’avvenuta ricezione del messaggio o di un eventuale errore. Anche alzare e abbassare il pulsante di qualche pixel aiuta l’utente a capire che ha cliccato e che l’azione effettivamente si è svolta.

E’ importante curare questo tipo di feedback perché l’utente davanti un sito web non ha una persona a cui chiedere se effettivamente un’azione sia andata a buon fine, il sito stesso deve svolgere questa funzione.

Detto questo tutte queste regole devono essere applicate all’interno di una grafica che sia piacevole e che colpisca l’utente in modo che il sito risulti piacevole all’utilizzo.

Tutto questo lavoro, come già detto, dovrebbe essere fatto durante la fase di progettazione.E’ fondamentale pensare ai contenuti e a che tipo di forma dargli. Ti consigliamo anche di fare alcuni test di navigabilità sul sito per capire se ci sono dei problemi.