28.02.2022

Come creare un blog di cucina di successo

Scopri gli aspetti necessari per creare un blog di cucina di successo: idee originali, newsletter, video, app, contenuti di qualità in ottica SEO e molto altro

Come creare un blog di cucina di successo

Sapete quante ricerche compaiono su Google digitando una semplice parola chiave, ovvero “ricette”? Oltre 59 milioni. Un numero impressionante che fa pensare a quanto il cibo rappresenti un fattore davvero importante per gli italiani, ma anche alla varietà della proposta online.

Creare un blog di cucina di successo non è facile ma si tratta, allo stesso tempo, di qualcosa assolutamente alla portata di tutti, quando la proposta è ben strutturata e originale. In questo approfondimento ti proponiamo delle idee per creare un blog di cucina di successo, prendendo spunto da quanto visto online presso portali noti e meno noti.

Quale blog di cucina?

La cucina è un sistema complesso. Ne esistono di diverse tipologie: etnica, giapponese, italiana, francese, di ispirazione british, per non parlare di quel trend in costante crescita che è rappresentato dal biologico, il vegetariano e, naturalmente, il vegano.

A questi elementi è necessario aggiungere la possibilità di coniugare la passione per il vino, la birra o qualsiasi altra bevanda, nonché per le diverse attività che possono essere collegate alla cucina. La quale è trasversale, motivo per cui le si accosta bene praticamente tutto.

Nel corso del tempo è cambiato anche il concetto di blog, che non è più solamente un sito web ma un modo per comunicare a tutto tondo. Da qui la nascita dei cosiddetti food blogger (cibo + fotografia), travel blogger (viaggi + cucina), ma anche dei blog dove gli chef sono architetti, ingegneri, fotografi e, naturalmente, nutrizionisti.

Anziché proporre un blog “onnicomprensivo”, quindi, la soluzione migliore è quella di creare una sorta di “ecosistema” che comprende una proposta ben definita, dalla spiccata personalità e in grado di coinvolgere un target il più particolare possibile.

Fondamentale la scelta del nome del dominio, accattivante e soprattutto di tipo branded. Facciamo un esempio. Un nome che risulta particolarmente convincente è “L'ennesimo blog di cucina e sapori dal mondo”, intrigante e assolutamente non banale. Emerge subito che Anna, l’ideatrice di questo blog, ha una spiccata passione per i viaggi ed è, quindi, non solo chef ma anche viaggiatrice. Un altro tratto distintivo che permette di entrare in empatia.

Questo esempio dimostra come sia imprescindibile trovare un punto di vista originale all’interno di microcategorie quali food blogger e travel blogger. Le strategie sono diverse e oggi un blog di cucina non è solo un sito strutturato con una pagina “chi siamo”, contenuti fatti in ottica SEO e foto di qualità ma è, in primo luogo un progetto, un ecosistema appunto, che parte da un’idea originale e la struttura in maniera innovativa. Senza questo diventa davvero solo l’ennesimo blog di cucina.

La newsletter: come realizzarla in maniera originale nel blog di cucina

La newsletter rappresenta un asset fondamentale all’interno di qualsiasi attività della comunicazione, ancora di più nel caso di un blog di cucina. Garantisce dei vantaggi importanti quali l’accesso costante al sito e la pronta comunicazione dei nuovi contenuti realizzati all’interno del blog nonché degli eventi e dei prodotti a esso correlati.

Un rischio, tuttavia, c’è ed è quello che, essendo un sistema particolarmente diffuso, non tutte le persone abbiano voglia di vedere la propria casella di posta riempita da ulteriori contenuti.

E quindi? Bisogna rinunciare all’e-mail marketing? Assolutamente no! La soluzione ideale è quella di proporlo in maniera originale. L’ha fatto, ad esempio, un blog di cucina che piace molto agli appassionati di cucina bio, vegetariana; si chiama, non a caso, Cucina Naturale, ed è presente anche con l’omonima rivista.

Cucina Naturale, oltre a dare la possibilità di iscriversi alla propria newsletter ha realizzato un’iniziativa che funziona in maniera similare. Il nome è “Settimana Naturale” e il funzionamento è semplice: si sceglie all’interno di tre categorie di alimentazione e si riceve, proprio come in una newsletter, una ricetta per ogni giorno della settimana, con tanto di piano della spesa scaricabile e persino stampabile. Il tutto in maniera gratuita. Una soluzione che presenta un vantaggio importante, ovvero quello di una newsletter che non appare come tale e che non risulta “molesta”. Ecco come rendere vincente la newsletter nel caso di un blog di cucina.

Non solo contenuti gastronomici

Il valore aggiunto che offrono un po’ tutti i blog di cucina oggi di successo sta nel fatto che accanto alle ricette propongono ulteriori contenuti originali.

Ad esempio, un travel blogger potrà raccontare un itinerario goloso, anche fuori dai confini abituali di residenza, oppure aggiungere una guida ai vini del territorio da abbinare alle ricette. Oppure, nel caso di un nutrizionista, realizzare contenuti nutrizionali ad hoc. Da questo punto di vista inserire nel sito una sezione question & answer si rivela interessante perché permette di stabilire un contatto immediato (e che richiede poco tempo di lettura).

Un’altra opzione può essere quella di dividere i contenuti per stagione o di creare la voce news con gli eventi del territorio, dando informazioni concrete rispetto a quello che risulta davvero interessante dal punto di vista gastronomico.

Un’idea originale è quella del blog “Trattoria La Martina, la quale propone all’interno del sito web una sezione con delle etichette con ricette da stampare e mettere direttamente sui barattoli delle marmellate. Un modo di rendere fruibili con immediatezza i contenuti.

Infine, vi segnaliamo un’ultima proposta che abbiamo visto e che ci ha convinto su un blog di cucina che si chiama “Robysushi”. La dicitura inerente ai contenuti extra non è chiamata news, come fanno la maggiorparte dei blogger, ma "trallallà". La curiosità prevale e si è invogliati a scoprire qualcosa di più.

Un e-commerce, nel blog di cucina

Sono sempre di più i blog di cucina che propongono una sezione dedicata allo shopping, con prodotti sia da acquistare sia con omaggi gratuiti. Si tratta, potenzialmente, di una vetrina importante per le aziende del mondo del food (da quelle della ristorazione alle case produttrici di attrezzatura da cucina/ingredienti per la realizzazione delle ricette), del travel (food operator, guide ambientali, agenzie di viaggi, ristorazione) ma anche dell’editoria, con la promozione di libri di cucina e persino di siti che propongono coupon.

L’e-commerce può essere branded, con il logo del blog di cucina a vista su capi di abbigliamento come t-shirt, oggettistica per la casa e grembiuli, da proporre anche sotto forma di buono regalo (non solo a Natale).

Un sistema utile di promozione per l'e-commerce del blog di cucina è quello di avvalersi di un marketplace, da Amazon a Zalando. Un’altra realtà da non sottovalutare è Giallo Zafferano, una partnership interessante sia per aumentare la navigazione all’interno del sito web ma anche per promuovere l'e-commerce, piattaforma di lancio per diversi blog che poi sono diventati di successo.

Video ricette: imprescindibili per un blog di cucina

Una delle idee che ha reso innovativo il blog più famoso della cucina, ovvero Giallo Zafferano, è stata quella di realizzare delle video ricette. Si tratta di un sistema che piace perché permette di fare la ricetta insieme allo chef. Fondamentale, tuttavia, essere a proprio agio di fronte al video e trovare uno stile che sia empatico e facilmente identificabile.

Inoltre, le video ricette è essenziale che non durino troppo a lungo: non più di 5/7 minuti, ma se si riesce a farle più corte, anche da un minuto e mezzo, meglio ancora.

Si possono proporre videocorsi di cucina a pagamento, realizzando anche una sorta di “Cook Academy”, ma soprattutto utilizzare i contenuti free per promuovere i corsi di cucina in presenza, come un laboratorio di panificazione o di fermentazione.

Fondamentale inserire i contenuti video sul proprio sito web ma non solo, anche sui social. Il preferito rimane YouTube, il network per eccellenza dei tutorial, unito a Facebook, Instagram, Pinterest e, per chi ha un’attività professionale come quella di nutrizionista o naturopata, persino Linkedin.

Instagram e Podcast: due trend di successo

Instagram è un social che piace molto a chi ha un blog di cucina, tanto che si parla sempre più di “insta blogger” nel mondo del food. Il motivo è semplice e intuitivo: si basa sulle immagini e permette di pubblicare le foto delle ricette.

Un  modo interessante per utilizzarlo è quello di creare delle dirette su Instagram TV in cui parlare di cucina con un’ospite oppure preparare delle ricette in real time. Le stories sono la parte in cui è possibile dare spazio alla propria creatività e persino sdrammatizzare, facendo vedere ricette non venute bene alla prima!

Un altro mezzo di comunicazione che sta conoscendo una costante ascesa sono i podcast, soprattutto da quando sono sempre di più gli strumenti che le piattaforme mettono a disposizione per realizzarne uno gratuitamente.

Produrre un podcast legato al mondo del food non significa solo parlare di ricette. Si rivela indispensabile creare, anche in questo caso, contenuti originali. Un esempio? Raccontare delle donne di ieri e di oggi che hanno fatto la storia della cucina, non necessariamente citando nomi importanti ma anche personalità meno conosciute. L’idea, in cucina, rimane il fattore che fa la differenza.

Un’app? Perché no!

Se poi si decidesse di lanciarsi e fare le cose in grande, e le aziende del mondo gastronomico oggi lo fanno sempre di più, creare un’app ad hoc si rivela un’idea convincente.

Lo ha fatto anche Giallo Zafferano, in maniera originale e professionale. La User Experience è, infatti, ottimale, fin dai passaggi che portano a scaricare il programma ma anche nella navigazione all’interno delle ricette. Inoltre, l’app consente di catalogare i contenuti selezionati all’interno di ricettari personalizzati e di inserirli nelle liste della spesa, consultabili in pochi clic durante il momento degli acquisti.

L’app rappresenta una soluzione ottimale non solo per i food blogger ma anche per le aziende che vogliono creare un blog di cucina di successo con cui promuovere i prodotti.

Nota finale

Creare un blog di cucina di successo richiede creatività ma anche profonde competenze in campo digital marketing, sia per quanto riguarda la grafica del blog sia la gestione dei social nonché della SEO, ovviamente. Una web agency riesce a garantire una partnership ottimale per un blogger che vuole emergere o consolidare il suo successo ma anche per le aziende che desiderano inserirsi nel mondo variegato (e popolato) della cucina.

Altri articoli nella sezione "Digital Marketing"

Dalla lead generation al lead nurturing: come coltivare i propri contatti
Dalla lead generation al lead nurturing: come coltivare i propri contatti
CONTINUA A LEGGERE
Funnel marketing: alla scoperta del percorso d'acquisto del consumatore
Funnel marketing: alla scoperta del percorso d'acquisto del consumatore
CONTINUA A LEGGERE
Tik Tok: la nuova frontiera del social media marketing e del personal branding
Tik Tok: la nuova frontiera del social media marketing e del personal branding
CONTINUA A LEGGERE
Customer Journey: alla scoperta delle sue fasi e dei principali modelli
Customer Journey: alla scoperta delle sue fasi e dei principali modelli
CONTINUA A LEGGERE
Bias cognitivi: cosa sono e come gestirli
Bias cognitivi: cosa sono e come gestirli
CONTINUA A LEGGERE
L'utilità delle Buyer Personas nel business di un'azienda
L'utilità delle Buyer Personas nel business di un'azienda
CONTINUA A LEGGERE
Lead Generation: di cosa si tratta e come funziona
Lead Generation: di cosa si tratta e come funziona
CONTINUA A LEGGERE
Geolocalizzazione: uno strumento sempre più cruciale nel Digital Marketing
Geolocalizzazione: uno strumento sempre più cruciale nel Digital Marketing
CONTINUA A LEGGERE
Come fare Content Marketing su LinkedIn
Come fare Content Marketing su LinkedIn
CONTINUA A LEGGERE
Come aumentare l'engagement su Instagram: consigli e strategie
Come aumentare l'engagement su Instagram: consigli e strategie
CONTINUA A LEGGERE
ROI e ROAS: di cosa si tratta, quali sono le differenze e come applicarli
ROI e ROAS: di cosa si tratta, quali sono le differenze e come applicarli
CONTINUA A LEGGERE
Come usare le immagini nell'advertising: tra marketing e psicologia
Come usare le immagini nell'advertising: tra marketing e psicologia
CONTINUA A LEGGERE
Video Marketing: cos'è, come funziona, quali sono i vantaggi
Video Marketing: cos'è, come funziona, quali sono i vantaggi
CONTINUA A LEGGERE
Twitter: consigli per una strategia di marketing di successo
Twitter: consigli per una strategia di marketing di successo
CONTINUA A LEGGERE
Inbound Marketing: le strategie vincenti per il mercato B2B
Inbound Marketing: le strategie vincenti per il mercato B2B
CONTINUA A LEGGERE
Influencer marketing: vantaggi, tipologie e best practices.
Influencer marketing: vantaggi, tipologie e best practices.
CONTINUA A LEGGERE
Sinergia fra sito web e social per promuovere il business
Sinergia fra sito web e social per promuovere il business
CONTINUA A LEGGERE
Strategie e tecniche di marketing: che cosa sono e quali sono le differenze
Strategie e tecniche di marketing: che cosa sono e quali sono le differenze
CONTINUA A LEGGERE
Lead management: come gestire al meglio i lead commerciali
Lead management: come gestire al meglio i lead commerciali
CONTINUA A LEGGERE
Migliorare il business tramite il Measurement Plan di Google Analytics
Migliorare il business tramite il Measurement Plan di Google Analytics
CONTINUA A LEGGERE
Visual identity e brand identity: sono la stessa cosa?
Visual identity e brand identity: sono la stessa cosa?
CONTINUA A LEGGERE
Sondaggi online: uno strumento prezioso per il web marketing
Sondaggi online: uno strumento prezioso per il web marketing
CONTINUA A LEGGERE
Pubblicità online e aziende: come realizzarla al meglio
Pubblicità online e aziende: come realizzarla al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Analisi dei trend di marketing del 2021, per iniziare al meglio il 2022
Analisi dei trend di marketing del 2021, per iniziare al meglio il 2022
CONTINUA A LEGGERE
Idee di Marketing per un Black Friday sostenibile: 5 casi di successo
Idee di Marketing per un Black Friday sostenibile: 5 casi di successo
CONTINUA A LEGGERE
Cosa sono i video mobile-first?
Cosa sono i video mobile-first?
CONTINUA A LEGGERE
Podcast per aziende: come realizzarne uno di successo
Podcast per aziende: come realizzarne uno di successo
CONTINUA A LEGGERE
Youtube: quale direzione per le aziende?
Youtube: quale direzione per le aziende?
CONTINUA A LEGGERE
Perché scegliere Pinterest per fare attività di comunicazione e marketing
Perché scegliere Pinterest per fare attività di comunicazione e marketing
CONTINUA A LEGGERE
Consigli di marketing per stare sul mercato ai tempi del Covid
Consigli di marketing per stare sul mercato ai tempi del Covid
CONTINUA A LEGGERE
Come usare Linkedin per trovare clienti
Come usare Linkedin per trovare clienti
CONTINUA A LEGGERE
Come usare Facebook per attirare clienti?
Come usare Facebook per attirare clienti?
CONTINUA A LEGGERE
Come realizzare il sito web di un centro estetico
Come realizzare il sito web di un centro estetico
CONTINUA A LEGGERE
Consigli per trovare clienti su Instagram
Consigli per trovare clienti su Instagram
CONTINUA A LEGGERE
Cinque domande per pianificare un progetto web
Cinque domande per pianificare un progetto web
CONTINUA A LEGGERE
Come trovare nuovi clienti: i 5 punti fondamentali
Come trovare nuovi clienti: i 5 punti fondamentali
CONTINUA A LEGGERE
Web & Hotel: Come fare promozione online all'albergo
Web & Hotel: Come fare promozione online all'albergo
CONTINUA A LEGGERE
Web marketing e pubblicità tradizionale: quali differenze?
Web marketing e pubblicità tradizionale: quali differenze?
CONTINUA A LEGGERE
Business, il nuovo approccio della "demand generation"
Business, il nuovo approccio della "demand generation"
CONTINUA A LEGGERE
Metriche social, quali monitorare?
Metriche social, quali monitorare?
CONTINUA A LEGGERE
Tik Tok: perché inserirlo in una strategia di marketing digitale
Tik Tok: perché inserirlo in una strategia di marketing digitale
CONTINUA A LEGGERE
Voice search e tecniche marketing: la ricerca Google si evolve
Voice search e tecniche marketing: la ricerca Google si evolve
CONTINUA A LEGGERE
Native advertising, cos’è e in che modo immerge l’utente nella pubblicità
Native advertising, cos’è e in che modo immerge l’utente nella pubblicità
CONTINUA A LEGGERE
Le regole del funnel marketing. Strategie per promuovere prodotti e servizi
Le regole del funnel marketing. Strategie per promuovere prodotti e servizi
CONTINUA A LEGGERE
Google Analytics, ma lo usate davvero?
Google Analytics, ma lo usate davvero?
CONTINUA A LEGGERE
L’importanza di investire oggi nella pubblicità per restare competitivi
L’importanza di investire oggi nella pubblicità per restare competitivi
CONTINUA A LEGGERE
Come organizzare eventi live in streaming e quali tool sfruttare
Come organizzare eventi live in streaming e quali tool sfruttare
CONTINUA A LEGGERE
Le regole del blog
Le regole del blog
CONTINUA A LEGGERE
Podcast marketing e narrazione digitale: ecco come sfruttarli
Podcast marketing e narrazione digitale: ecco come sfruttarli
CONTINUA A LEGGERE
Realtà aumentata in store: ecco il negozio del futuro
Realtà aumentata in store: ecco il negozio del futuro
CONTINUA A LEGGERE
Difendi il tuo negozio da Amazon: ecco come fare
Difendi il tuo negozio da Amazon: ecco come fare
CONTINUA A LEGGERE
Proximity marketing: guida al beacon per portare il web nella realtà
Proximity marketing: guida al beacon per portare il web nella realtà
CONTINUA A LEGGERE
Vendere a San Valentino: tieniti pronto anche al real time marketing!
Vendere a San Valentino: tieniti pronto anche al real time marketing!
CONTINUA A LEGGERE
Black Friday e shopping di Natale: hai una strategia per vendere online?
Black Friday e shopping di Natale: hai una strategia per vendere online?
CONTINUA A LEGGERE