03.10.2022

Dalla lead generation al lead nurturing: come coltivare i propri contatti

Il lead nurturing è un'attività di marketing finalizzata a curare la relazione con i propri contatti, acquisiti tramite la lead generation. Scopriamolo.

Dalla lead generation al lead nurturing: come coltivare i propri contatti

Il Lead Nurturing è una delle pratiche più interessanti del marketing digitale. Si tratta di un insieme di tecniche che permette di approfondire e curare la relazione con l’utente, dai momenti iniziali fino a quelli finali quali l’acquisto e la fidelizzazione. In questo articolo analizziamo cos’è e perché è importante per le aziende.

Lead Nurturing: una definizione

Il termine nurturing significa nutrire. Il Lead Nurturing, quindi, non è altro che un processo all’interno del quale vengono realizzate diverse azioni che servono a nutrire la relazione che si instaura con gli utenti fin dalle fasi iniziali di contatto.

Il fine è quello di accompagnare quanti sono potenzialmente interessati al business dell’azienda in tutte le fasi del funnel, inclusa quella finale di acquisto nonché di fidelizzazione.

Questo a livello molto generale. Entrando più nel dettaglio, il Lead Nurturing è un processo automatizzato che permette di inviare contenuti personalizzati, mirati, rilevanti a lead, prospect e clienti: ecco perché copre l’intero processo di acquisto.

Si inserisce, di conseguenza, in un'ottica di lead generation e di Inbound Marketing, dal momento che prende in considerazione le misure da adottare fin da quando l’utente passa dalla condizione di anonimato a quella di interazione, diventando un lead e condividendo informazioni.

Mostrando che il brand gli interessa. Perché, a sua volta, il brand non dovrebbe fare altrettanto?

Lead Nurturing: come funziona

Il Lead Nurturing è uno strumento di marketing che agisce nel lungo periodo. Questo perché segue il potenziale cliente fin dai primi passi e allo stesso tempo per tutto il ciclo in cui si trova coinvolto.

I risultati non sono, in termini di fatturato, immediati, ma se una campagna è impostata nel modo ottimale saranno più che soddisfacenti e duraturi.

Il Lead Nurturing agisce in primo luogo informando il target, o meglio, abituandolo a un approccio di interazione costruttivo: quello che porta l’utente ad avere contenuti effettivamente interessanti e a non pensare al brand come qualcuno da evitare, mettendolo nello spam.

La comunicazione non è persuasiva, non è rivolta esplicitamente all’acquisto. Parte, piuttosto, dalla conoscenza dell’utente, dai suoi bisogni e dalle sue esigenze, in modo da offrirgli effettivamente quello che sta cercando, non solo rispetto allo specifico prodotto ma anche dal punto di vista comunicativo.

Il Lead Nurturing si interessa di produrre e condividere con il clienti i contenuti che si rivelano per lui autenticamente interessanti. Per questo non finiscono in spam ma sono, anzi, attesi.

Un approccio che pone basi reali per il processo di acquisto, per la vendita. Un risultato che è necessario ma che avviene in seguito all’instaurazione di un rapporto di fiducia: il cliente si trova predisposto ad acquistare, senza subire alcuna pressione.

In questo modo sarà portato a considerare l’azienda per i propri acquisti più volte, perché si sentirà coccolato e non visto come “una mucca da spremere”.

Il Lead Nurturing, sostanzialmente, informa, fornisce contenuti mirati e ben accetti rispetto al pubblico di riferimento. Crea un legame tra brand e utente, accompagnando quest’ultimo nella trasformazione finale: quella che lo porta a diventare un cliente. È così che pone le basi per generare fatturato nel lungo periodo.

Come creare una strategia di Lead Nurturing

Il primo modo per creare una strategia di Lead Nurturing efficace è quello di darsi degli obiettivi, da declinare poi attraverso gli strumenti adeguati volta per volta. Vediamo entrambi gli aspetti nel dettaglio.

Quali sono gli obiettivi

Le campagne di Lead Nurturing permettono ai professionisti della comunicazione digitale di avere importanti frecce al proprio arco per costruire le relazioni con gli utenti, o meglio, con i potenziali clienti.

Lo scopo è quello di interagire, di comunicare con ogni singolo lead, prospect e cliente in maniera diretta e preferenziale.

Gli strumenti del Lead Nurturing sono concepiti in quest’ottica e permettono di rispondere in maniera efficace a eventuali domande ed esigenze, comprese quelle non espresse. Un approccio di problem solving impostato già alla radice.

Gli obiettivi di una campagna di Lead Nurturing sono diversi a seconda delle fasi con cui si interagisce con l’utente. Ecco quali sono i principali:

  • Awareness o Consapevolezza. Far conoscere il brand attraverso i canali online e offline: dai motori di ricerca, Google in primis, fino ai social, passando per l’e-mail marketing.
  • Consideration o Considerazione. Contenuti volti a stimolare l’interesse intorno al brand, facendo leva sull’intenzione di acquisto. A essere di supporto sono i dati di engagement, essenziali per la segmentazione del target.
  • Conversion o Conversione. In questo caso le pratiche del Lead Nurturing hanno come obiettivo la conversione, attraverso offerte dedicate al pubblico precedentemente segmentato.
  • Post-Purchase o Dopo Acquisto. La fase di fidelizzazione, sostanzialmente: l’obiettivo finale del Lead Nurturing.

Come si può vedere a essere coinvolto è l’intero processo di interazione con l’utente. Il Lead Nurturing si dimostra, di conseguenza, versatile, mirato e allo stesso tempo trasversale. Le sue potenzialità e usi sono a 360°.

Gli strumenti

Gli strumenti con cui si traducono gli obiettivi della campagna di Lead Nurturing sono diversi e presentano il giusto mix di tecnica, studio e creatività: i tre aspetti alla base dei professionisti del marketing e che caratterizzano da sempre la vision che puoi trovare in una web agency.

Vediamo i principali strumenti del Lead Nurturing nel dettaglio:

  • Utilizzo di un approccio di Lead Scoring. Si tratta di una tecnica che vede l’attribuzione ai prospect rispetto al valore che viene percepito dall’azienda. In poche parole, attraverso gli strumenti di marketing automation viene attribuito un valore numerico ai dati inerenti ai comportamenti, che vengono così misurati. Le azioni che vengono “calcolate”? L’apertura delle e-mail, le interazioni sul sito o sui social, le informazioni personali fornite come quelle inerenti i dati anagrafici o il lavoro. Un’operazione essenziale, quella del Lead Scoring, che permette di capire chi è l’utente e quali sono i contenuti per lui più importanti, desiderati.
  • Condivisione e invio di contenuti mirati. Una pratica realizzata dopo che è attuata la targetizzazione. Solo a questo punto sono impiegati software di e-mail automation, da integrare all’interno di una strategia multi-channel che vede l’invio tramite i social utilizzati dall’utente. In questo modo viene ottimizzata per l’utente la sua possibilità di interazione con il brand, con una user experience a 360°.
  • Impiego di A/B test. Permettono di valutare l’andamento delle strategie di Lead Nurturing messe in atto, in modo da poter apportare i cambiamenti necessari per rendere i contenuti ancora più efficaci.

In sostanza, gli strumenti del Lead Nurturing sono tre, come si può vedere: e-mail marketing, marketing automation (che rende più agile il workflow e l’automatizzazione dei processi), e inbound marketing, l’approccio generale del marketing di cui il Lead Nurturing fa parte.

Si tratta di modalità di per sé semplici ma che richiedono una spiccata professionalità per l’attuazione, dal momento che richiedono una forte personalizzazione. Per questo l’effettiva efficacia di una campagna di Lead Nurturing deriva dalle capacità e qualità di chi la realizza.

Quali sono i benefici per le aziende

I vantaggi che le campagne di Lead Nurturing permettono di conseguire per le aziende sono diversi.

Sempre a patto che siano realizzate con l’approccio corretto: se i contenuti vengono percepiti come inappropriati, indesiderati e, caso estremo, molesti, l’utente sarà portato a metterli nello spam e di conseguenza a interrompere l’interazione con il brand, persino a parlarne male con altre persone.

Se invece tutto va per il verso giusto, i benefici saranno in termini di brand awareness in primo luogo, e aumento del tasso di conversione in seconda battuta. Questo perché il Lead Nurturing, seguendo l’utente lungo tutte le fasi del funnel, non lo perde mai di vista, rendendo efficaci tutti gli sforzi messi in campo a livello di marketing strategico.

Non solo. Il Lead Nurturing si rivela una tecnica di marketing efficace anche per quanto riguarda la programmazione dei contenuti, incentivando a una gestione integrata dei diversi canali, adoperando, allo stesso tempo, software di marketing automation in grado di far risparmiare tempo e denaro.

Infine, il Lead Nurturing si rivela efficace per apportare pratiche che portino alla fidelizzazione e al passaparola, a cominciare dall’invio di promozioni dedicate, contenuti gratuiti e molto altro ancora.

Come abbiamo accennato all’inizio, il suo scopo è nutrire e in questo modo generare fatturato nel medio-lungo periodo. Un vantaggio conseguito attraverso la realizzazione di ulteriori benefici.

Altri articoli nella sezione "Digital Marketing"

Strategia multichannel: come diversi touchpoints possono ampliare il proprio business
Strategia multichannel: come diversi touchpoints possono ampliare il proprio business
CONTINUA A LEGGERE
Come migliorare il proprio business con un profilo LinkedIn aziendale
Come migliorare il proprio business con un profilo LinkedIn aziendale
CONTINUA A LEGGERE
Corporate identity: cos'è e come darle forma al meglio
Corporate identity: cos'è e come darle forma al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Tips per una strategia di Social Media Marketing di successo
Tips per una strategia di Social Media Marketing di successo
CONTINUA A LEGGERE
Recensioni negative: come riuscire a gestirle al meglio
Recensioni negative: come riuscire a gestirle al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Funnel marketing: alla scoperta del percorso d'acquisto del consumatore
Funnel marketing: alla scoperta del percorso d'acquisto del consumatore
CONTINUA A LEGGERE
Tik Tok: la nuova frontiera del social media marketing e del personal branding
Tik Tok: la nuova frontiera del social media marketing e del personal branding
CONTINUA A LEGGERE
Customer Journey: alla scoperta delle sue fasi e dei principali modelli
Customer Journey: alla scoperta delle sue fasi e dei principali modelli
CONTINUA A LEGGERE
Bias cognitivi: cosa sono e come gestirli
Bias cognitivi: cosa sono e come gestirli
CONTINUA A LEGGERE
L'utilità delle Buyer Personas nel business di un'azienda
L'utilità delle Buyer Personas nel business di un'azienda
CONTINUA A LEGGERE
Lead Generation: di cosa si tratta e come funziona
Lead Generation: di cosa si tratta e come funziona
CONTINUA A LEGGERE
Geolocalizzazione: uno strumento sempre più cruciale nel Digital Marketing
Geolocalizzazione: uno strumento sempre più cruciale nel Digital Marketing
CONTINUA A LEGGERE
Come fare Content Marketing su LinkedIn
Come fare Content Marketing su LinkedIn
CONTINUA A LEGGERE
Come aumentare l'engagement su Instagram: consigli e strategie
Come aumentare l'engagement su Instagram: consigli e strategie
CONTINUA A LEGGERE
ROI e ROAS: di cosa si tratta, quali sono le differenze e come applicarli
ROI e ROAS: di cosa si tratta, quali sono le differenze e come applicarli
CONTINUA A LEGGERE
Come usare le immagini nell'advertising: tra marketing e psicologia
Come usare le immagini nell'advertising: tra marketing e psicologia
CONTINUA A LEGGERE
Video Marketing: cos'è, come funziona, quali sono i vantaggi
Video Marketing: cos'è, come funziona, quali sono i vantaggi
CONTINUA A LEGGERE
Twitter: consigli per una strategia di marketing di successo
Twitter: consigli per una strategia di marketing di successo
CONTINUA A LEGGERE
Inbound Marketing: le strategie vincenti per il mercato B2B
Inbound Marketing: le strategie vincenti per il mercato B2B
CONTINUA A LEGGERE
Influencer marketing: vantaggi, tipologie e best practices.
Influencer marketing: vantaggi, tipologie e best practices.
CONTINUA A LEGGERE
Sinergia fra sito web e social per promuovere il business
Sinergia fra sito web e social per promuovere il business
CONTINUA A LEGGERE
Strategie e tecniche di marketing: che cosa sono e quali sono le differenze
Strategie e tecniche di marketing: che cosa sono e quali sono le differenze
CONTINUA A LEGGERE
Lead management: come gestire al meglio i lead commerciali
Lead management: come gestire al meglio i lead commerciali
CONTINUA A LEGGERE
Migliorare il business tramite il Measurement Plan di Google Analytics
Migliorare il business tramite il Measurement Plan di Google Analytics
CONTINUA A LEGGERE
Visual identity e brand identity: sono la stessa cosa?
Visual identity e brand identity: sono la stessa cosa?
CONTINUA A LEGGERE
Sondaggi online: uno strumento prezioso per il web marketing
Sondaggi online: uno strumento prezioso per il web marketing
CONTINUA A LEGGERE
Pubblicità online e aziende: come realizzarla al meglio
Pubblicità online e aziende: come realizzarla al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Come creare un blog di cucina di successo
Come creare un blog di cucina di successo
CONTINUA A LEGGERE
Analisi dei trend di marketing del 2021, per iniziare al meglio il 2022
Analisi dei trend di marketing del 2021, per iniziare al meglio il 2022
CONTINUA A LEGGERE
Idee di Marketing per un Black Friday sostenibile: 5 casi di successo
Idee di Marketing per un Black Friday sostenibile: 5 casi di successo
CONTINUA A LEGGERE
Cosa sono i video mobile-first?
Cosa sono i video mobile-first?
CONTINUA A LEGGERE
Podcast per aziende: come realizzarne uno di successo
Podcast per aziende: come realizzarne uno di successo
CONTINUA A LEGGERE
Youtube: quale direzione per le aziende?
Youtube: quale direzione per le aziende?
CONTINUA A LEGGERE
Perché scegliere Pinterest per fare attività di comunicazione e marketing
Perché scegliere Pinterest per fare attività di comunicazione e marketing
CONTINUA A LEGGERE
Consigli di marketing per stare sul mercato ai tempi del Covid
Consigli di marketing per stare sul mercato ai tempi del Covid
CONTINUA A LEGGERE
Come usare Linkedin per trovare clienti
Come usare Linkedin per trovare clienti
CONTINUA A LEGGERE
Come usare Facebook per attirare clienti?
Come usare Facebook per attirare clienti?
CONTINUA A LEGGERE
Come realizzare il sito web di un centro estetico
Come realizzare il sito web di un centro estetico
CONTINUA A LEGGERE
Consigli per trovare clienti su Instagram
Consigli per trovare clienti su Instagram
CONTINUA A LEGGERE
Cinque domande per pianificare un progetto web
Cinque domande per pianificare un progetto web
CONTINUA A LEGGERE
Come trovare nuovi clienti: i 5 punti fondamentali
Come trovare nuovi clienti: i 5 punti fondamentali
CONTINUA A LEGGERE
Web & Hotel: Come fare promozione online all'albergo
Web & Hotel: Come fare promozione online all'albergo
CONTINUA A LEGGERE
Web marketing e pubblicità tradizionale: quali differenze?
Web marketing e pubblicità tradizionale: quali differenze?
CONTINUA A LEGGERE
Business, il nuovo approccio della "demand generation"
Business, il nuovo approccio della "demand generation"
CONTINUA A LEGGERE
Metriche social, quali monitorare?
Metriche social, quali monitorare?
CONTINUA A LEGGERE
Tik Tok: perché inserirlo in una strategia di marketing digitale
Tik Tok: perché inserirlo in una strategia di marketing digitale
CONTINUA A LEGGERE
Voice search e tecniche marketing: la ricerca Google si evolve
Voice search e tecniche marketing: la ricerca Google si evolve
CONTINUA A LEGGERE
Native advertising, cos’è e in che modo immerge l’utente nella pubblicità
Native advertising, cos’è e in che modo immerge l’utente nella pubblicità
CONTINUA A LEGGERE
Le regole del funnel marketing. Strategie per promuovere prodotti e servizi
Le regole del funnel marketing. Strategie per promuovere prodotti e servizi
CONTINUA A LEGGERE
Google Analytics, ma lo usate davvero?
Google Analytics, ma lo usate davvero?
CONTINUA A LEGGERE
L’importanza di investire oggi nella pubblicità per restare competitivi
L’importanza di investire oggi nella pubblicità per restare competitivi
CONTINUA A LEGGERE
Come organizzare eventi live in streaming e quali tool sfruttare
Come organizzare eventi live in streaming e quali tool sfruttare
CONTINUA A LEGGERE
Le regole del blog
Le regole del blog
CONTINUA A LEGGERE
Podcast marketing e narrazione digitale: ecco come sfruttarli
Podcast marketing e narrazione digitale: ecco come sfruttarli
CONTINUA A LEGGERE
Realtà aumentata in store: ecco il negozio del futuro
Realtà aumentata in store: ecco il negozio del futuro
CONTINUA A LEGGERE
Difendi il tuo negozio da Amazon: ecco come fare
Difendi il tuo negozio da Amazon: ecco come fare
CONTINUA A LEGGERE
Proximity marketing: guida al beacon per portare il web nella realtà
Proximity marketing: guida al beacon per portare il web nella realtà
CONTINUA A LEGGERE
Vendere a San Valentino: tieniti pronto anche al real time marketing!
Vendere a San Valentino: tieniti pronto anche al real time marketing!
CONTINUA A LEGGERE
Black Friday e shopping di Natale: hai una strategia per vendere online?
Black Friday e shopping di Natale: hai una strategia per vendere online?
CONTINUA A LEGGERE
Conosci i tuoi clienti? I trucchi per un'offerta mirata
Conosci i tuoi clienti? I trucchi per un'offerta mirata
CONTINUA A LEGGERE