08.08.2022

L'utilità delle Buyer Personas nel business di un'azienda

Le buyers personas sono un elemento fondamentale per poter individuare il target di un'azienda e attuare le giuste strategie di marketing. Scopriamole insieme.

L'utilità delle Buyer Personas nel business di un'azienda

Il concetto delle Buyer Personas è essenziale nel marketing contemporaneo, in cui permette di identificare con precisione il cliente tipo. Un elemento da impostare fin dai primi passi della strategia di marketing con precisione. Questo perché consente di rispondere a una domanda ben precisa: a chi si rivolge con esattezza l’azienda con quel prodotto o servizio?

Le Buyer Personas giocano un ruolo essenziale nel processo di targetizzazione, rivelandosi un parametro costantemente da monitorare negli sviluppi messi in campo dal Digital Marketing.

Cosa sono le Buyer Personas a livello concettuale

La Buyer Persona rappresenta, a livello concettuale, quello che è l’acquirente tipo di un prodotto o di una categoria di prodotto. Si tratta di un elemento che entra in gioco fin dall’inizio nella strategia di marketing, ovvero in quella che è la targetizzazione.

Le Buyer Personas rappresentano i clienti tipo di un'azienda, coloro che idealmente sarebbero disposti ad acquistarne i prodotti e/o servizi. Incarnano, quindi, i tratti caratteristici di un certo segmento del pubblico di riferimento. Nella loro profilazione intervengono fattori come interessi, comportamenti di acquisto, dati demografici, posizione all’interno del nucleo familiare e nella società, titolo di studio, professione, dimestichezza con la tecnologia.

Questi i parametri più comuni, ma se ne possono aggiungere molti altri ancora, arrivando a ottenere un identikit più dettagliato. Sono conseguiti a partire da strumenti quali sondaggi, interviste e simili, risultando aderenti agli insight forniti dagli stessi consumatori.

Una volta individuate, le Buyer Personas permettono di realizzare campagne di marketing che hanno obiettivi e soprattutto destinatari ben definiti, risultando così con molta più probabilità efficaci e trovando rispondenza nella realtà, in un certo gruppo di persone.

L’utilizzo del concetto di Buyer Personas consente di effettuare un’analisi di target in cui ci si mette nei panni del cliente a livello prospettico. Allo stesso tempo si rivela efficace per realizzare attività che portano a una customer satisfaction e a una user experience ottimali.

Un discorso valido in modo particolare per la fase promozionale, per le campagne pubblicitarie standard e quelle online, nell’ottica di una comunicazione che è sempre più multicanale.

L’origine delle Buyer Personas

La creazione delle Buyer Personas a livello concettuale è attribuita ad Alan Cooper, software designer e programmatore. È stato lui il primo a impiegare il termine personas per la creazione di profili tipo di utenti che si trovano a interagire con un certo sito web.

Cooper è giunto a questo punto di arrivo grazie all’esperienza maturata nel settore, tramite lo studio e la realizzazione di software user-friendly. Il concetto di Buyer Personas è stato esposto per la prima volta nel 1998 nel libro The Inmates Are Running the Asylum. Da allora sono passati circa 24 anni e l’applicazione di quanto proposto da Cooper ha conosciuto una diffusione importante, risultando oggi come ieri quantomai attuale.

A cosa servono?

L’utilizzo delle Buyer Personas si rivela funzionale per impostare una strategia di marketing modulata nell’ottica di un business orientato verso il coinvolgimento, la conversione e la fidelizzazione di nuovi acquirenti: proprio come nei passaggi del Customer Journey.

Le informazioni raccolte per la creazione delle Buyer Personas consentono di andare verso una dimensione più reale e umana, oltre le statistiche, i numeri, persino gli astrattismi. Il risultato è la creazione di veri e propri archetipi o modelli attraverso cui effettuare il posizionamento del brand rispetto alle effettive esigenze e aspettative sia della clientela attuale sia di quella potenziale.

Non solo, l’identificazione delle Buyer Personas si rivela efficace per comprendere i comportamenti di acquisto, i metodi di pagamento, quali sono i bisogni, i motivi per cui ci si avvicina a un determinato prodotto e come riuscire a risolverli. Si tratta, quindi, di un concetto analitico in maniera viscerale, capace di andare a fondo e di interessare nel profondo il sistema valoriale.

In sintesi…

A livello pratico, introducendo nella propria strategia questo concetto è possibile:

●      Creare contenuti in grado di coinvolgere maggiormente il proprio target di riferimento.

●      Capire come orientare la strategia di marketing, verso quali canali e verso i precisi bisogni degli utenti.

●      Segmentare il pubblico in modo efficace, così da facilitare il processo di Lead Generation.

●      Allineare le informazioni, portando a una comunicazione univoca per tutti i diversi reparti dell’azienda.

●      Attuare con maggiore facilità strategie di Inbound Marketing e Content Marketing, anche per coloro che si trovano a lavorare nel copywriting.

●      Facilitare il lavoro degli addetti alla vendita, che hanno un’idea preliminare precisa già in partenza su coloro con cui si troveranno a relazionarsi.

●      Creare più serenità ed empatia anche nei momenti in cui è necessario attuare misure di problem solving.

Come creare le Buyer Personas?

La creazione delle Buyer Personas prevede diversi step. Allo stesso tempo è necessario predisporsi con un atteggiamento mentale curioso, paziente, strategico.

Si rivela molto utile da un lato agire per domande, dall’altro usare software ad hoc come un CRM. Di cosa si tratta? Il Customer Relationship Management è un programma adatto alla gestione delle relazioni con clienti e potenziali clienti.

Si rivela efficace nella gestione dei contatti, delle vendite, della produttività e molto altro ancora, incluso tutto ciò che riguarda le Buyer Personas. Vediamo adesso gli step principali per l’individuazione delle Buyer Personas.

Il primo passo: la raccolta dei dati

La prima domanda che è importante porsi nella creazione delle Buyer Personas è: quali sono i dati che mi servono per la profilazione? La cosa migliore da fare è realizzare il giusto mix di informazioni personali e informazioni che permettono di sviluppare un eventuale previsione della risposta del cliente verso un prodotto o un brand.

I dati su cui porre l’attenzione sono principalmente catalogabili nelle seguenti tipologie:

●      Dati sociodemografici. Riguardano età, sesso, provenienza, istruzione, occupazione, reddito, stato civile, composizione del nucleo familiare. Si tratta di elementi che permettono di empatizzare e dare un nome ai propri archetipi, conoscendoli uno per uno e ponendosi con un approccio empatico.

●      Dati inerenti alle competenze del cliente tipo. Se per esempio è un appassionato di design, tecnologia, se conosce più lingue (e quali), se è un lettore accanito (di quali generi) o se ama invece i videogiochi. Si tratta di esempi, certo, i quali mostrano però come sia possibile andare ancora più nel dettaglio.

●      Dati che riguardano la personalità, i modi, gli atteggiamenti. Si va in un’ottica più emotiva, capace di offrire una vision delle paure, delle ansie, delle frustrazioni; un elemento importante che interessa il processo di ricerca e acquisto di un prodotto.

●      Dati rispetto ai valori e ai principi etici. Sono utili per creare una comunanza valoriale tra brand e target. Un punto di vista stabile e da costruire nel tempo, capace di dare il là per un restyling quando necessario.

Il secondo passo: analisi dei dati e identificazione delle Buyer Personas

I dati raccolti permettono di fare ipotesi. Scegliere alla radice quali e perché si rivela essenziale per ottenere le informazioni nel loro complesso.

L’analisi dei dati permette di ottenere un profilo delle Buyer Personas a livello concreto. In tal senso si rivelano utili diversi template disponibili online, in grado di riassumere le caratteristiche indispensabili per fornire un identikit del cliente.

Tra gli strumenti classici per portare avanti l’analisi dei dati i più comuni sono:

●      Interviste. Permettono di interagire con le persone per ottenere più punti di vista rispetto ai clienti tipo, traendo ispirazione per lo sviluppo a livello strategico.

●      Questionari. Una metodologia ampiamente utilizzata nel marketing e che prende spunto dalla sociologia e dall'etnologia. Si possono realizzare in maniera accattivante dal punto di vista grafico, ad esempio attraverso i social media o l’e-mail marketing. Il questionario consente di conoscere qualcosa di più sulle motivazioni delle persone.

●      Confronto tra i diversi reparti. Un elemento che riguarda soprattutto quelle attività che hanno non solo canali online ma anche in presenza, dove il confronto con chi si trova alla vendita si rivela assolutamente utile e funzionale a livello molto più che statistico.

●      Social Media Insights. Informazioni valide per l’analisi di tutti i dati di cui abbiamo parlato, semplici da ottenere e persino “misurabili”.

Terzo step: immaginare le Buyer Personas

A questo punto non resta che immaginare le Buyer Personas. Se avete scelto come suggerito di dare un nome, ad esempio Francesca, vi troverete a dipingere una sorta di fotografia: più è dettagliata, a fuoco, meglio è.

Tra le tante domande che si possono rivelare utili ci sono:

●      Perché Francesca dovrebbe dimostrare interesse verso il prodotto “X” dell’azienda?

●      Quali sono i problemi che si trova a risolvere Francesca nella quotidianità?

●      E quali sono i valori in cui crede?

●      Cosa fa Francesca prima di decidere se acquistare o meno il prodotto?

Creare un vero e proprio form di riferimento agevola il processo di individuazione delle Buyer Personas. Per fare ciò è necessario disporre non solo di molta creatività, ma anche di competenze di marketing, come quelle che si possono ritrovare all'interno di una web agency. Rivolgersi a dei professionisti è infatti fondamentale per attuare un processo così importante come quello relativo a targetizzazione e segmentazione, fondamentali per il successo di un'azienda. 

 

Altri articoli nella sezione "Digital Marketing"

Strategia multichannel: come diversi touchpoints possono ampliare il proprio business
Strategia multichannel: come diversi touchpoints possono ampliare il proprio business
CONTINUA A LEGGERE
Come migliorare il proprio business con un profilo LinkedIn aziendale
Come migliorare il proprio business con un profilo LinkedIn aziendale
CONTINUA A LEGGERE
Corporate identity: cos'è e come darle forma al meglio
Corporate identity: cos'è e come darle forma al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Tips per una strategia di Social Media Marketing di successo
Tips per una strategia di Social Media Marketing di successo
CONTINUA A LEGGERE
Recensioni negative: come riuscire a gestirle al meglio
Recensioni negative: come riuscire a gestirle al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Dalla lead generation al lead nurturing: come coltivare i propri contatti
Dalla lead generation al lead nurturing: come coltivare i propri contatti
CONTINUA A LEGGERE
Funnel marketing: alla scoperta del percorso d'acquisto del consumatore
Funnel marketing: alla scoperta del percorso d'acquisto del consumatore
CONTINUA A LEGGERE
Tik Tok: la nuova frontiera del social media marketing e del personal branding
Tik Tok: la nuova frontiera del social media marketing e del personal branding
CONTINUA A LEGGERE
Customer Journey: alla scoperta delle sue fasi e dei principali modelli
Customer Journey: alla scoperta delle sue fasi e dei principali modelli
CONTINUA A LEGGERE
Bias cognitivi: cosa sono e come gestirli
Bias cognitivi: cosa sono e come gestirli
CONTINUA A LEGGERE
Lead Generation: di cosa si tratta e come funziona
Lead Generation: di cosa si tratta e come funziona
CONTINUA A LEGGERE
Geolocalizzazione: uno strumento sempre più cruciale nel Digital Marketing
Geolocalizzazione: uno strumento sempre più cruciale nel Digital Marketing
CONTINUA A LEGGERE
Come fare Content Marketing su LinkedIn
Come fare Content Marketing su LinkedIn
CONTINUA A LEGGERE
Come aumentare l'engagement su Instagram: consigli e strategie
Come aumentare l'engagement su Instagram: consigli e strategie
CONTINUA A LEGGERE
ROI e ROAS: di cosa si tratta, quali sono le differenze e come applicarli
ROI e ROAS: di cosa si tratta, quali sono le differenze e come applicarli
CONTINUA A LEGGERE
Come usare le immagini nell'advertising: tra marketing e psicologia
Come usare le immagini nell'advertising: tra marketing e psicologia
CONTINUA A LEGGERE
Video Marketing: cos'è, come funziona, quali sono i vantaggi
Video Marketing: cos'è, come funziona, quali sono i vantaggi
CONTINUA A LEGGERE
Twitter: consigli per una strategia di marketing di successo
Twitter: consigli per una strategia di marketing di successo
CONTINUA A LEGGERE
Inbound Marketing: le strategie vincenti per il mercato B2B
Inbound Marketing: le strategie vincenti per il mercato B2B
CONTINUA A LEGGERE
Influencer marketing: vantaggi, tipologie e best practices.
Influencer marketing: vantaggi, tipologie e best practices.
CONTINUA A LEGGERE
Sinergia fra sito web e social per promuovere il business
Sinergia fra sito web e social per promuovere il business
CONTINUA A LEGGERE
Strategie e tecniche di marketing: che cosa sono e quali sono le differenze
Strategie e tecniche di marketing: che cosa sono e quali sono le differenze
CONTINUA A LEGGERE
Lead management: come gestire al meglio i lead commerciali
Lead management: come gestire al meglio i lead commerciali
CONTINUA A LEGGERE
Migliorare il business tramite il Measurement Plan di Google Analytics
Migliorare il business tramite il Measurement Plan di Google Analytics
CONTINUA A LEGGERE
Visual identity e brand identity: sono la stessa cosa?
Visual identity e brand identity: sono la stessa cosa?
CONTINUA A LEGGERE
Sondaggi online: uno strumento prezioso per il web marketing
Sondaggi online: uno strumento prezioso per il web marketing
CONTINUA A LEGGERE
Pubblicità online e aziende: come realizzarla al meglio
Pubblicità online e aziende: come realizzarla al meglio
CONTINUA A LEGGERE
Come creare un blog di cucina di successo
Come creare un blog di cucina di successo
CONTINUA A LEGGERE
Analisi dei trend di marketing del 2021, per iniziare al meglio il 2022
Analisi dei trend di marketing del 2021, per iniziare al meglio il 2022
CONTINUA A LEGGERE
Idee di Marketing per un Black Friday sostenibile: 5 casi di successo
Idee di Marketing per un Black Friday sostenibile: 5 casi di successo
CONTINUA A LEGGERE
Cosa sono i video mobile-first?
Cosa sono i video mobile-first?
CONTINUA A LEGGERE
Podcast per aziende: come realizzarne uno di successo
Podcast per aziende: come realizzarne uno di successo
CONTINUA A LEGGERE
Youtube: quale direzione per le aziende?
Youtube: quale direzione per le aziende?
CONTINUA A LEGGERE
Perché scegliere Pinterest per fare attività di comunicazione e marketing
Perché scegliere Pinterest per fare attività di comunicazione e marketing
CONTINUA A LEGGERE
Consigli di marketing per stare sul mercato ai tempi del Covid
Consigli di marketing per stare sul mercato ai tempi del Covid
CONTINUA A LEGGERE
Come usare Linkedin per trovare clienti
Come usare Linkedin per trovare clienti
CONTINUA A LEGGERE
Come usare Facebook per attirare clienti?
Come usare Facebook per attirare clienti?
CONTINUA A LEGGERE
Come realizzare il sito web di un centro estetico
Come realizzare il sito web di un centro estetico
CONTINUA A LEGGERE
Consigli per trovare clienti su Instagram
Consigli per trovare clienti su Instagram
CONTINUA A LEGGERE
Cinque domande per pianificare un progetto web
Cinque domande per pianificare un progetto web
CONTINUA A LEGGERE
Come trovare nuovi clienti: i 5 punti fondamentali
Come trovare nuovi clienti: i 5 punti fondamentali
CONTINUA A LEGGERE
Web & Hotel: Come fare promozione online all'albergo
Web & Hotel: Come fare promozione online all'albergo
CONTINUA A LEGGERE
Web marketing e pubblicità tradizionale: quali differenze?
Web marketing e pubblicità tradizionale: quali differenze?
CONTINUA A LEGGERE
Business, il nuovo approccio della "demand generation"
Business, il nuovo approccio della "demand generation"
CONTINUA A LEGGERE
Metriche social, quali monitorare?
Metriche social, quali monitorare?
CONTINUA A LEGGERE
Tik Tok: perché inserirlo in una strategia di marketing digitale
Tik Tok: perché inserirlo in una strategia di marketing digitale
CONTINUA A LEGGERE
Voice search e tecniche marketing: la ricerca Google si evolve
Voice search e tecniche marketing: la ricerca Google si evolve
CONTINUA A LEGGERE
Native advertising, cos’è e in che modo immerge l’utente nella pubblicità
Native advertising, cos’è e in che modo immerge l’utente nella pubblicità
CONTINUA A LEGGERE
Le regole del funnel marketing. Strategie per promuovere prodotti e servizi
Le regole del funnel marketing. Strategie per promuovere prodotti e servizi
CONTINUA A LEGGERE
Google Analytics, ma lo usate davvero?
Google Analytics, ma lo usate davvero?
CONTINUA A LEGGERE
L’importanza di investire oggi nella pubblicità per restare competitivi
L’importanza di investire oggi nella pubblicità per restare competitivi
CONTINUA A LEGGERE
Come organizzare eventi live in streaming e quali tool sfruttare
Come organizzare eventi live in streaming e quali tool sfruttare
CONTINUA A LEGGERE
Le regole del blog
Le regole del blog
CONTINUA A LEGGERE
Podcast marketing e narrazione digitale: ecco come sfruttarli
Podcast marketing e narrazione digitale: ecco come sfruttarli
CONTINUA A LEGGERE
Realtà aumentata in store: ecco il negozio del futuro
Realtà aumentata in store: ecco il negozio del futuro
CONTINUA A LEGGERE
Difendi il tuo negozio da Amazon: ecco come fare
Difendi il tuo negozio da Amazon: ecco come fare
CONTINUA A LEGGERE
Proximity marketing: guida al beacon per portare il web nella realtà
Proximity marketing: guida al beacon per portare il web nella realtà
CONTINUA A LEGGERE
Vendere a San Valentino: tieniti pronto anche al real time marketing!
Vendere a San Valentino: tieniti pronto anche al real time marketing!
CONTINUA A LEGGERE
Black Friday e shopping di Natale: hai una strategia per vendere online?
Black Friday e shopping di Natale: hai una strategia per vendere online?
CONTINUA A LEGGERE
Conosci i tuoi clienti? I trucchi per un'offerta mirata
Conosci i tuoi clienti? I trucchi per un'offerta mirata
CONTINUA A LEGGERE